Privilegiata…

foto21Marina di Minturno,
8 dicembre 2015
Solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Vi leggo il brano dell’Esortazione apostolica Ineffabilis Deus con cui il beato Pio IX ha proclamato
Che l’Immacolata Concezione fosse un dogma di fede nella Chiesa:

“dichiariamo, affermiamo e definiamo la dottrina che sostiene
“che la beatissima Vergine Maria nel primo istante della sua concezione,
“per una grazia ed un privilegio singolare di Dio onnipotente,
“in previsione dei meriti di Gesù Cristo Salvatore del genere umano,
“è stata preservata intatta da ogni macchia del peccato originale,
“e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certo ed immutabile per tutti i fedeli.

Vorrei che ci soffermassimo su questa espressione: “in previsione dei meriti di Gesù Cristo”
Questa frase ci dice il motivo ultimo del “privilegio singolare” della Madonna
“L’angelo Gabriele fu mandato da Dio…” abbiamo ascoltato nel Vangelo
Anche questo, l’annuncio della nascita del Salvatore, fu fatto “in previsione dei meriti di Gesù”
Potremmo dire che tutto avviene con questa logica nel cuore di Dio
Se noi intervistassimo la Beata Vergine Maria ci confermerebbe questa cosa.
Che cosa voglio dire?
Che nella fede esistono i privilegi: Dio fa preferenze di persone!
Ma non per qualche particolare dote o capacità di chi è privilegiato
Quanto, piuttosto, “in previsione dei meriti” del suo Figlio Gesù
E che cosa sono questi “meriti”?
Sono la grande opera di salvezza, di redenzione, di liberazione che Egli ha conquistato sulla croce!
Il Papa oggi ha aperto l’AnnoSanto della Misericordia per tutta la Chiesa
E l’Arcivescovo domenica prossima lo farà per la nostra Diocesi
Un anno santo è proprio godere, approfittare fino in fondo
Dei grandi meriti di Gesù che Egli ha lasciato come tesoro della sua Sposa
E di cui noi possiamo usare per noi e per i nostri defunti
possiamo persino abusarne sprecando la grande ricchezza che Dio ci dona!
Gesù con la morte del suo corpo terreno ha vinto la morte dell’anima umana!
Con il suo dono di amore ha vinto il peccato e il male che portiamo nel cuore
Donando la sua vita ha spalancato per noi le porte dello Spirito Santo
Gesù ha meritato la salvezza perché noi potessimo essere liberi, salvi!
E il Padre suo “in previsione” di questo
Cioè, avendo a cuore questo dono che attraverso Gesù vuole offrire a tutti,
Ha preservato la Vergine Maria dal peccato nel momento del suo concepimento
Aveva qualche ragione per scegliere lei piuttosto che un’altra?
No… forse avrà visto, come dice il Magnificat, la piccolezza di questa ragazza
Il suo essere nulla nel mondo, nella storia, nel suo paese…
Ma Dio liberamente ha privilegiato la Vergine Maria
Non perché fosse migliore di altre persone
Ma perché realizzasse i suoi disegni, la sua opera di salvezza!
Ora, il bello, è che anche noi, cristiani, battezzati, siamo dei privilegiati
proprio come la Vergine Maria!
Sì! Nel mistero del Battesimo noi siamo degli uomini privilegiati…
Anche noi siamo stati liberati dalla “maledizione” del peccato originale
E siamo divenuti in Gesù persone nuove, capaci di rispondere a Dio con verità
E perché rispetto a un musulmano, ad un indù, a un non battezzato siamo privilegiati?
Non certo per i nostri meriti, o per le nostre capacità
Noi siamo privilegiati perché possiamo realizzare il progetto di Dio
Che desidera che ogni uomo sia salvato e giunga alla conoscenza della verità!
Come la Beata Vergine Maria noi siamo privilegiati
In previsione dei meriti del Signore Gesù
Che sulla croce di è offerto al Padre per la salvezza di ogni uomo
E desidera che noi siamo cooperatori del suo piano di liberazione e di redenzione
Per noi, attraverso la fedeltà alla sua Parola e il cammino della nostra santificazione
E per tutti coloro che sono ancora sotto la “maledizione” del peccato
Così, carissimi, in questa festa dobbiamo guardare alla Beata Vergine Maria
Che non ha fatto altro nella sua vita che essere fedele a Dio
E non ha smesso di essere Madre:
Del Signore Gesù nella carne
E di tutti gli uomini che sono chiamati a entrare nel privilegio di cui Lei è la prima beneficiaria:
Essere, in Gesù, persone che vivono nella luce della benedizione di Dio
E questo l’abbiamo sentito anche nella lettera agli Efesini:
Siamo stati predestinati alla gloria, alla santità, ad essere ad immagine di Gesù!
Con gioia, allora, riconosciamo nella Vergine Immacolata
Quello che noi siamo e quello che dobbiamo diventare!
Posando lo sguardo su di Lei
Chiediamo la forza per rispondere con semplicità e umiltà a quello che Dio ci chiede
E il coraggio di annunciare la salvezza che Gesù vuole offrire ad ogni uomo!
Santa Vergine immacolata
Prega per noi e sostienici nella vita cristiana!

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di castità
In modo particolare la castità si esercita attraverso la grazia del perdono, che solo Dio può donare. Per questo ogni membro della fraternità si accosta regolarmente al sacramento della Riconciliazione con l’intento di ricevere da Dio il perdono dei peccati e la forza di evangelizzare la propria vita.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.