Andiamo anche noi a morire con Lui!

Sono le parole che Tommaso dice quando Gesù decide di “salire” a Gerusalemme  (Gv 11,16). Gli Apostoli capiscono che Egli va incontro alla morte. E comprendono che devono seguirlo per la stessa via. Sembrerebbe di no! Ma proprio questa piccola espressione che Giovanni ci rivela evidenzia la consapevolezza che i Dodici hanno di dover donare la loro vita proprio come il Maestro. Gesù, il Signore, per primo dona la sua vita, seguito da una moltitudine di fratelli e di sorelle. Egli non è solo il primogenito di quelli che risorgono dai morti (Col 1,18), ma è anche la primizia di coloro che sono morti (1 Cor 15,20) abbandonandosi alla volontà del Padre per la salvezza del mondo. E noi, chiamati a seguirlo per questa via, siamo invitati in questa settimana a contemplare il dono d’amore del Figlio per noi, contemplarlo per poterlo imitare quando e come lo Spirito ce lo indicherà!

Buona Settimana Santa!

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di povertà
Nei pasti si ha cura di evitare eccessi di ogni tipo e si preferiscono cibi semplici e salutari.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.