Aprile 2015

2015-04-05 19.11.14Ecco la Pasqua che è esplosa con tutta la sua forza! Con tutta la sua potenza di grazia!
Gesù risorto spalanca le porte della morte e delle nostre morti quotidiane per investire la nostra vita con la sua luce, con la sua vita!
L’Alleluia che risuona dalla notte di Pasqua rallegra la vita del creato e – basta unire le proprie voci a quelle di ogni creatura – anche la nostra!
andrea.00Abbiamo vissuto un triduo pasquale come al solito ricco di momenti e per certi versi “stancante” … ma ci ha rigenerati con forza e grazia!

Intanto abbiamo anche accolto Marco, che farà con noi un periodo di discernimento! pregate per lui … e per noi! e abbiamo avuto le visite belle di Andrea (orami un nostro amico “storico” e anima del gruppo monachesimo nel terzo millennio tra tradizione e rinnovamento) e di Pietro che ci ha fatto assaporare un po’ di spirito agostiniano e ci ha fatto “tremare”!pietro.54
Daniel ha fatto un bell’intervento – testimonianza all’incontro diocesano della vita consacrata e ora si dedica a completare gli studi per il baccellierato!
Angelo, invece, ha addirittura rilasciato un’intervista ad una web radio, Radio Giovani Arcobaleno! potete ascoltarla qui:

😀

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di lavoro
Ogni anno la comunità decide, in base agli orari di lavoro dei suoi membri, gli adattamenti necessari per preservare la vita liturgica e la vita comune.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.