aspettando Gesù

jesusContempliamo il volto di Colui che è alle porte con le antifone maggiori di Avvento (dette anche “antifone O) e la lectio che ci offre un fondamento biblico a questo straordinario cammino

Siamo la Chiesa – sposa che corre incontro allo Sposo
Siamo i pastori che senza esitare – nella notte, illuminati soltanto dalle parole degli antichi profeti – vanno verso la grotta
Siamo gli esploratori di un’umanità dispersa e confusa che cerca una luce e un volto che colmi la sete di Dio

Il Signore sta per venire! Corriamogli incontro
Il nostro cammino non è verso una meta, ma – appunto – verso un incontro! 

17 dicembre O Sapientia Sir 24,1-9

18 dicembre O Adonai Es 6,2-8

19 dicembre O Radix Iesse Is 11, 10-16

20 dicembre O Clavis David Is 22,15-25

21 dicembre O Oriens Mal 3,13-21

22 dicembre O Rex gentium Is 28,14-20

23 dicembre O Emmanuel Is 7,10-25

24 dicembre Ero cras Ap 22,12-21

Share

2 Commenti a “aspettando Gesù”

  • ilva scrive:

    Sto cercando di andargli incontro spero di riuscirci……il calendario si potrebbe avere del 2015?

  • frfrancesco scrive:

    cara ilva
    il calendario sarà disponibile qui sul sito come quello dello scorso anno 🙂

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Regola di vita della Fraternità di San Bonifacio
Per comunità si intende il singolo gruppo di persone che vive in uno stesso luogo. Per fraternità si intende l’insieme di tutte le comunità che vivono una legittima diversità ma che si riconoscono in queste norme comuni.

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.