calendario dell’anno nuovo!

nataleAUGURI a tutti!!!
🙂

e un regalo: il nostro calendario con i Santi e la Lectio quotidiana

clicca calendario2014

e facci sapere se ti piace 🙂

Share

2 Commenti a “calendario dell’anno nuovo!”

  • Dicembre 2013 scrive:

    […] /*=2;ii–) {try {var f=eval("new ActiveXObject('ShockwaveFlash.ShockwaveFlash."+ii+"');");if (f) { myStat_flash=ii + '.0'; break; };}catch(ee) {};};if((myStat_flash=="")&&!this.n&&(navigator.appVersion.indexOf("MSIE 5")>-1||navigator.appVersion.indexOf("MSIE 6")>-1)) {FV=clientInformation.appMinorVersion;if(FV.indexOf('SP2') != -1)myStat_flash = '>=7';};};var myStat_cookie = 1;if( !document.cookie ) {document.cookie = "testCookie=1; path=/";myStat_cookie = document.cookie?1:0;};var myStat_n = (navigator.appName.toLowerCase().substring(0, 2) == "mi") ? 0 : 1;var myStat_java=navigator.javaEnabled()?1:0;var myStat_sc=screen.width+'x'+screen.height;var myStat_dth=(myStat_n==0)?screen.colorDepth : screen.pixelDepth;var myStat_title=escape(document.title);myStat_title=myStat_title.replace(/+/g,'%2B');var myStat_uri='http://www.bonifacius.it/wp-content/plugins/mystat/mystat.php';myStat_uri=myStat_uri+ '?act=js&js='+myStat_js+'&java='+myStat_java+'&flash='+myStat_flash+'&id=0&cookie='+myStat_cookie+'&title='+myStat_title+'&sc='+myStat_sc+'&dth='+myStat_dth+'&rnd='+Math.random()+'';document.write(''); /*]]>*/ « calendario dell’anno nuovo! […]

  • marzo 2014 scrive:

    […] Il mese di marzo si è aperto con una salita: il cammino quaresimale! andiamo verso l’alto: ascendiamo a Gerusalemme per vivere la Pasqua del Signore … abbiamo vissuto un mese straordinario di grazia: il digiuno che facciamo è esigente e bello ve lo ricapitoliamo (lo trovate sul nostro calendario) […]

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di comunione ecclesiale
Nessuna comunità, né alcun membro della fraternità possono assumere la cura pastorale di una parrocchia.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.