giorno dopo giorno… la sua Misericordia

04_01Marina di Minturno,
10 gennaio 2016
Festa del Battesimo del Signore

Ecco come si canta nel giorno dell’Epifania
“Tre prodigi celebriamo in questo giorno santo:
“oggi la stella ha guidato i magi al presepio,
“oggi l’acqua è cambiata in vino alle nozze,
“oggi Cristo è battezzato da Giovanni nel Giordano
“per la nostra salvezza, alleluia.”
La festa dell’Epifania, che abbiamo appena celebrato, comprendeva tre eventi della vita di Gesù:
Il primo è, appunto, la visita dei Magi
Il secondo è quello che celebriamo oggi
E il terzo sono le nozze di Cana che ascolteremo nel Vangelo della prossima domenica
Poi, nella nostra Chiesa latina, ci siamo concentrati sul primo evento
Nella nuova liturgia abbiamo “perso” il terzo;
E il secondo è diventato una festa a sé stante quella, appunto, che celebriamo oggi
Così dobbiamo sempre considerare questa festa nel quadro dell’Epifania
Che è il mistero della manifestazione di Gesù in tutta la sua persona
Come Salvatore di tutti gli uomini, come Dio, come il Verbo fatto carne.

Gesù nel Battesimo al Giordano si rivela, quindi
Non tanto quando si mette in fila con gli altri del suo popolo
Ma soprattutto in quella manifestazione della Trinità che ci raccontano i Vangeli
Lo Spirito scende su di Lui e il Padre fa udire la sua voce
Gesù è il Figlio amato, prediletto, l’unico che può dirsi Figlio di Dio con pienezza!

Eppure non possiamo non accorgerci di qualcosa di particolare, di strano!
Aveva detto san Giovanni Battista: Egli vi battezzerà
E invece è Lui che viene battezzato
“Vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco” aveva specificato sempre san Giovanni Battista
E, invece, lo Spirito scende su di lui come una colomba e non come fuoco
Per capire bene la “profezia” del Battista dobbiamo ricordare la manifestazione della Trinità
Che ci rivela chi è Gesù, chi è quest’uomo che sembra come tutti gli altri
Egli non è come gli altri, peccatore e schiavo del male come noi
Se Egli scende nelle acque non è per essere lavato dal peccato
Ma per spurificarle con la sua presenza santa e santificatrice
Se su di Lui scende lo Spirito Santo non è per fondere e purificare
Ma per rivelare nel tempo il mistero eterno della santissima Trinità!

Gesù, infatti, scende nel Giordano e noi possiamo essere rinnovati dalla sua presenza
Gesù riceve lo Spirito e il Padre lo proclama suo Figlio amato e noi possiamo in Lui essere figli
Gesù è battezzato e noi possiamo essere battezzati in Lui!

Così dietro al Battesimo di Gesù possiamo davvero già scoprire il nostro battesimo
Che ci fa partecipi della sua vita divina e di purifica da ogni peccato!
Anche noi scendiamo nell’acqua ma non più come quelli del popolo di Israele
Ma ora lì c’è la presenza del Signore Gesù che ci purifica e ci rende partecipi di Lui
Anche noi riceviamo lo Spirito Santo
E in forza di questo Spirito possiamo camminare in una vita nuova e vivere nell’eternità di Dio
Su di noi risuona la voce del Padre
Perché in Gesù siamo figli non per natura, ma per pura misericordia di Dio

È avvenuto una volta per noi nel giorno del nostro Battesimo
Ma se restasse solo limitato a quel giorno non servirebbe a nulla!
Dobbiamo rivivere ogni giorno il nostro Battesimo!
Anche il Signore Gesù è stato battezzato quel giorno al Giordano
Ma sulla Croce renderò questo segno permanente perché ogni uomo possa trovare in Lui salvezza!
E così anche noi… per poter essere partecipi di questo dono
Dobbiamo immergerci giorno dopo giorno nelle acque del nostro Battesimo!

Questo è il segreto di un cristiano vero: rimanere fedeli al proprio battesimo
Non però come una nostra opera di fedeltà! Ma come immersione continua nella Misericordia di Dio…
Lo abbiamo sentito nella seconda lettura di oggi:
“egli ci ha salvati, non per opere giuste da noi compiute,
“ma per la sua misericordia, con un’acqua che rigenera e rinnova nello Spirito Santo” (Tt 3,5)
Gesù giorno dopo giorno si dona per noi sull’altare nella Santa Messa
Noi giorno dopo giorno possiamo scendere con Lui nelle acque della salvezza
Gesù giorno dopo giorno è obbediente fino alla morte di croce per noi!
Anche noi giorno dopo giorno possiamo essere partecipi del dono della sua vita!

Mi meraviglio molto che anche chi dice di fare un cammino di fede,
Chi dice di credere non partecipa a Messa ogni giorno!
Certo c’è chi va a Messa ogni giorno perché non ha molto da fare…
Ma per un cristiano che ha scoperto che cosa è la salvezza di Gesù
Per un cristiano che si ritiene tale non per suo merito, ma per la pietà che Gesù ha di lui
Per un cristiano che vive con responsabilità e vita la propria fede
Andare a Messa ogni giorno è un’esigenza, una necessità…
Io celebro ogni giorno la Santa Messa e nonostante tutto mi ritrovo sempre peccatore!
Come si può essere cristiani e non sentire il desiderio di accogliere il dono di Gesù ogni giorno?
Questo davvero mi meraviglia! Tanto!

Così oggi preghiamo perché ognuno di noi scopra che ha bisogno della Messa quotidiana
Per essere un vero cristiano!
Preghiamo perché ognuno di noi scopra che senza rinnovarsi in questo sacrificio di Gesù
Che ci fa partecipi del dono del suo Spirito non può più vivere!
Preghiamo perché con umiltà giorno dopo giorno
Cerchiamo di scendere con il Signore nelle acque del Battesimo
Per essere da Lui purificati
Per ricevere il dono dello Spirito Santo
Per scoprirci e vivere da Figli di Dio!

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di povertà
La comunità non accetta donazioni di immobili né lasciti così onerosi da pregiudicare la propria libertà e la propria scelta di povertà.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.