Giugno 2014

San Bonifacio

Giugno per noi è un mese speciale: c’è la festa di san Bonifacio! quest’anno, in modo molto semplice, abbiamo proposto di poter vivere con noi una novena, un triduo di lectio divina e poi un momento di condivisione nel giorno della festa. Pur nella sua semplice celebrazione, la nostra festa del Santo patrono è stata piena di grazie e di attenzioni di Dio.

Poi il mese è stato pieno di feste: la Pentecoste, il Corpus Domini, il Sacratissimo Cuore di Gesù; i Santi Pietro e Paolo! Una bella serie di appuntamenti della fede che il Signore ci ha offerto di vivere con serenità e gioia. Daniel e Angelo erano un po’ presi per la scuola e gli esami, ma questo non ha ostacolato più di tanto la bellezza di questi momenti di fede.

San Giuseppe e il suo cuore castissimo

San Giuseppe e il suo cuore castissimo

A metà mese è passata a trovarci suor Federica Romersa, una nostra grande amica che lavora nel campo della Nuova Evangelizzazione. E’ molto devota di san Giuseppe e così ci ha ispirato l’idea di fare una novena particolare per il nostro futuro! Così abbiamo iniziato questa semplice, e così popolare, forma di “bussare” alle porte del cuore di Dio. La provvidenza ha fatto il resto: l’abbiamo iniziata un mercoledì e l’abbiamo terminata alla vigilia della solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù. E poi c’è stato il sabato del Cuore immacolato della Beata Vergine Maria e poi ancora il Cuore castissimo di san Giuseppe. Noi siamo sicuri che egli ci otterrà da Dio i doni che desideriamo!

Share

2 Commenti a “Giugno 2014”

  • grazia scrive:

    mi piace che ogni giorno abbiate messo uno stralcio della vostra regola: è un regalo per farci riflettere nel silenzio, sulla sobrietà, la condivisione, la speranza.
    grazie!

  • frfrancesco scrive:

    🙂 speriamo di offrire un po’ di aiuto nel cammino spirituale di tutti
    un caro saluto (sr.) grazia!

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di preghiera
La liturgia è, normalmente, svolta in canto secondo la tradizione monastica.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.