dalla Regola di vita
Vita di obbedienza
Il dissenso non è di per sé nocivo. Anzi, vissuto nello Spirito Santo e governato saggiamente, è forza propulsiva per ogni comunità e può generare una comunione fraterna ancora più grande. La comunità aiuta, perciò, ad esplicitare i dissensi e implora dallo Spirito Santo la grazia del discernimento e della prudenza per chiarirli.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.