Il Papa parla della Regola di vita!

va be’ — non è vero… ma neanche tanto…

ecco le sue parole all’Angelus di oggi:

Il vero rimedio alle ferite dell’umanità, sia quelle materiali, come la fame e le ingiustizie, sia quelle psicologiche e morali causate da un falso benessere, è una regola di vita basata sull’amore fraterno, che ha la sua sorgente nell’amore di Dio.

non si riferisce alla regola di vita della nostra fraternità, ma sicuramente la nostra può essere un rimedio… per molti!
per noi lo è di sicuro!

che ne dite?

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Forma della consacrazione
Solo chi ha pronunziato i voti è vincolato in coscienza all’osservanza di questa regola.

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.