Marzo 2015

11035473_10153118897643960_2628365482593198587_nIl mese di marzo è stato dominato dalla Quaresima: un tempo così straordinariamente pieno di grazia, di sentimenti interiori, di affetti spirituali davanti a Colui che vive la Passione per noi, peccatori.
Abbiamo vissuto il tempo del digiuno, della sobrietà della vita, del silenzio …
10950700_864886886886625_6913553716124364873_nC’è stato poi la predicazione degli esercizi spirituali alle monache benedettine di Aversa, che Francesco ha predicato loro, sul tema delle beatitudini. Sono stati dei giorni particolari, di grazia, di comunione ecclesiale, di “passi in avanti”: un modo davvero tenero e straordinario con cui Dio ci ha fatto crescere!

E poi siamo scivolati nella preparazione più vicina alla Pasqua: la bella settimana passata con Maura, Raffaella e p. Juan Ramon della Comunità Missionaria di Villaregia, che hanno vissuto in parrocchia un tempo di animazione missionaria e comunitaria …

e poi … il cero per la cattedrale (qui a lato); le “sorprese” nella nostra chiesa; gli ospiti che son venuti a trovarci; le persone che abbiamo conosciute; l’uovo della notte di Pasqua; le ricette vegane per far bene il digiuno … insomma tanti piccoli “niente” che però rendono così bella la vita

e, siccome già è Pasqua: Cristo è risorto!!! Alleluia!!! vivete nella luce di Lui che è il Vivente!

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di comunione ecclesiale
La fraternità avverte soprattutto la necessità di mettersi alla scuola dell’esperienza millenaria della vita monastica attingendo continuamente alle diverse tradizioni delle diverse comunità cristiane e vuole condividere con tutti i monaci e le monache cristiane la comune fatica di coniugarle alle necessità dei tempi e dei luoghi in cui è chiamata a vivere.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.