Novembre 2014

tuttisantiQuesto mese è iniziato con la grande solennità di Tuttisanti e con la Commemorazione dei fedeli defunti. La veglia è stata particolarmente partecipata e ci ha introdotto in questo ultimo mese dell’anno liturgico così ricco di speranza e di sguardo al destino finale dell’uomo e della storia. L’abbiamo concluso con il canto di quello straordinario inno liturgico che è il Dies Irae. Molto bello è stato anche il pellegrinaggio, che abbiamo fatto con la parrocchia dove siamo ospiti, a Lanciano (al Santuario del miracolo eucaristico, il più antico della storia!) e a Casalbordino (al Santuario della Madonna dei Miracoli). E lì ci ha accolti la comunità benedettina che vive accanto al Santuario e abbiamo partecipato al 50° anniversario della professione monastica di uno dei fratelli: il canto del Suscipe ci ha richiamato al desiderio di poter cantare al più presto anche noi!
vlcsnap-00011
C’è stato poi un momento semplice, ma intenso e significativo:
abbiamo accolto Angelo nella Fraternità. Dopo un anno di cammino con noi ci ha chiesto di poter prendere un impegno nella vita monastica e lo abbiamo accolto donandogli l’abito della preghiera, la cocolla. Cammina così anche lui, come Francesco e Daniel, verso la professione dei voti. Come giorno per questo passo abbiamo scelto quello della Presentazione della Vergine Maria al Tempio: segno della donazione di un’anima all’amore di Dio che la chiama all’intimità con Lui, alla comunione piena con Lui.

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di preghiera
La liturgia ritma la vita e sostiene la comunione della comunità e di questa con l’intera Chiesa.

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.