Archivi per la categoria ‘Homiliae diversae’

stare a vedere

Tintoretto, Crocifissione

Anche noi, oggi, siamo invitati a stare a vedere come quelli del Vangelo .
Ricacciando, però, questa parola: “Salva te stesso!”
Noi siamo invitati a guardare, anche noi…
E scopriremo che dinanzi a noi c’è un uomo crocifisso
che, però, pur avendo la possibilità di salvarsi – o meglio, di sfuggire alle nostre cattiverie – non lo fa:
Gesù resta sulla croce!

Leggi il resto di questo articolo »
Share

santi cioè alternativi

Tunde Afolayan, Procession (2000)

Essere santi!
È la grande sfida della nostra vita!
Abbiamo “scoperto” – ma in realtà i cristiani l’han sempre saputo –
che tutti siamo chiamati ad essere santi!
E quando si dice “santi” non intendiamo un generico essere brave persone
oppure essere onesti o particolarmente religiosi!
Essere santi è essere perfetti… anzi, eroicamente perfetti!
Sarà mai possibile? O è solo un bell’ideale destinato a restare deluso?

Leggi il resto di questo articolo »
Share

intima presunzione

Che cosa manca a questo “fariseo” per cui va a casa sua perdendo la sua giustizia
– cioè la sua “santità”, la sua vicinanza a Dio -?
Che cosa ha fatto di tanto grave?
Qual è questa “intima presunzione” (che magari abita anche la nostra vita)?
Dobbiamo chiedercelo bene e non fermarci a dire banalmente che era presuntuoso!
O che abbia messo in primo piano l’io piuttosto che Dio – come ho letto in qualche commento.
Perché la preghiera del fariseo è perfetta: con autenticità riconosce che tutto viene da Dio.
Se egli è capace di non essere come quel pubblicano è perché il Signore lo aiuta!
Questa parabola ci fa vedere chiaramente quello che insegna san Paolo
e cioè che non siamo resi “santi” per le opere che compiamo, ma per la fede (Rm 3,21-28)!

Leggi il resto di questo articolo »
Share

a che serve pregare

Non ci sembra difficile comprendere le parole finali del Signore del Vangelo di oggi
sullo stato della fede al ritorno del Signore Gesù alla fine del mondo.
Vediamo come la fede interessi sempre meno le persone
e permei sempre di meno le culture e le società in cui viviamo
per cui non ci meraviglia la sua osservazione!
Persino nella Chiesa ci sono autorevoli preti che fanno inni all’eresia
e alti prelati che sognano il sovvertimento della fede in ragione di una «modernizzazione».
C’è posto ancora per la fede nel mondo e nella Chiesa di oggi?
Il segno più eloquente di questo è la considerazione che si ha della preghiera
e, soprattutto, di chi della preghiera fa una sorta di ruolo, i monaci e le monache.

Leggi il resto di questo articolo »
Share

…e tu? che fede hai?

C’è un aspetto della fede che molte persone oggi proprio non riescono ad accettare
quello di una totale e incondizionata fedeltà a Dio.
Quello, cioè, di cui oggi ci ha parlato il Vangelo.
Essere servi inutili non ha nulla a che vedere con quella falsa umiltà
con cui possiamo riempirci la bocca quando diciamo di essere umili
o che tutto poggia sulle nostre spalle, ma Dio mi da la forza e cose del genere
Avere fede è una cosa così radicale che, piuttosto, ci disturba.

Leggi il resto di questo articolo »
Share
dalla Regola di vita
Accoglienza e formazione dei nuovi membri
È bene che chi abbia intenzione di essere ammesso ai voti per la prima volta faccia gli esercizi spirituali di sant’Ignazio per un mese. Tuttavia questo non è obbligatorio, né può essere causa di rigetto della richiesta di ammissione ai voti.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.