Ottobre 2013

Il mese di ottobre è un ritorno ai ritmi più ordinari della nostra vita…
Daniel ha ripreso la scuola, la parrocchia ha cominciato le sue attività e Francesco ne è preso, Angelo si è ormai ambientato… abbiamo anche proposto a diversi “amici” che ci sono vicini la possibilità di condividere la lectio quotidiana con noi… abbiamo finito il Vangelo di san Giovanni e ci stiamo inoltrando nella prima lettera di san Paolo ai Corinti: una fonte incredibile di sapienza e di questioni attualissime!

Nella vita comune due sono le cose che ci hanno “preso” in modo particolare.

La prima sono le ordinazioni nella nostra Arcidiocesi. Don Gennaro è stato ordinato prete il 5 ottobre a Gaeta e Maurizio è stato ordinato diacono il 18 ottobre a Formia. Sono stati due momenti molto importanti per la nostra comunione con la Chiesa in cui viviamo e per la “carica vocazionale”. La presenza settimanale di Filippo, un seminarista che svolgerà il suo servizio nella parrocchia dove siamo anche noi, poi, ci fa sentire con sempre più forza la vicinanza con i futuri preti della diocesi. Filippo è di Gaeta e viene ogni sabato sera fino alla domenica a pranzo. Così condivide con noi la cena del sabato e poi la Liturgia vigilare. La domenica mattina, poi, prega con noi l’Ufficio della Risurrezione e facciamo colazione insieme… per il resto sta con Francesco in parrocchia per le diverse attività…

La seconda è che stiamo sistemando una stanza perché funga da biblioteca, da sala del capitolo e da luogo di accoglienza. Abbiamo preso la libreria (ma soprattutto i tanti libri!) di Francesco e una billy… e stiamo arredando questo luogo che ci aiuterà a vivere meglio la vita comunitaria e l’accoglienza. La vita culturale è una dimensione significativa di ogni comunità monastica e la biblioteca ne è come il luogo simbolo. Così anche per noi questo spazio non è solo un deposito ordinato di volumi (ma ci sono anche CD, DVD, vinili) ma un luogo dove vivere la nostra particolare forma di evangelizzazione: il dialogo con la vita culturale.

Il mese di ottobre è terminato con una bella veglia di ingresso nella Festa di Tutti i Santi: la cosa bella è che è stata molto partecipata! e i nostri giovani amici organisti l’hanno arricchita con una mezz’ora di introduzione musicale.

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di preghiera
La liturgia comprende 4 momenti quotidiani: la liturgia del mattino, la liturgia del giorno, la liturgia della sera e la liturgia della notte.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.