Ottobre 2014

monaci_barrouxIl nostro diario questo mese è stato pieno di cose ordinarie!
Daniel ha ripreso la scuola e ogni giorno va a Roma (per l’ultimo anno!) in parrocchia le cose riprendono il loro corso ordinario con il mese missionario e di peregrinatio Mariae; Angelo ha deciso di camminare con noi nella vita monasteriale (RB, I,2). Abbiamo avuto anche diversi ospiti che sono passati a trovarci e a condividere qualche momento o qualche giorno con noi. Intanto abbiamo anche fatto alcuni piccoli miglioramenti alla nostra preghiera: ormai preghiamo quasi regolarmente insieme anche la liturgia del giorno … l’abbiamo spostata alle 15.00 così possiamo essere tutti insieme. Abbiamo dovuto dotarci di microfoni per sentirci meglio e per poter aiutare le persone a pregare con noi. Anche il coro è migliorato: siamo ora su due tappeti e questo rende meglio l’idea di una comunità. Anche per la Messa ormai Angelo e Daniel restano nel coro e guidano la preghiera dell’assemblea. Ecco qui sotto una foto della Veglia di Tutti i Santi con cui abbiamo concluso questo mese.
Ci siamo appassionati anche al Sinodo Straordinario sulla famiglia. E abbiamo visto come le distorsioni dei media hanno concentrato l’attenzione su aspetti marginali, avendo come idea di fondo quello di screditare la Chiesa e di presentarla come divisa e retrograda.fraternitàCi è parso di cogliere, invece, la bellezza di un annuncio: quello della famiglia umana. Però ci sono temi caldi che vedono anche persone di Chiesa sostenere idee contrarie al Vangelo e invece di seguire la voce dello Spirito appaiono obbedienti alle mode del momento. E la moda del momento è che in nome dell’accoglienza tutto è accettabile (vabbè tranne qualche cosetta … tipo i tradizionalisti e le cose d’oro in Chiesa e la mafia e le sentinelle in piedi e altre cose così). Questo è davvero strano sentirlo dire da sacerdoti o persone di Chiesa. Perciò sentiamo sempre forte l’invito di un cardinale che ci ha detto di pregare molto per il Papa (allora era Benedetto XVI, ma lo stesso vale per papa Francesco): una cosa che facciamo ormai da tempo ma che ora abbiamo esteso a tutti Vescovi, specialmente quelli del Sinodo.
A presto.

Share

Un Commento a “Ottobre 2014”

  • antonio saba scrive:

    gradirei avere informazioni per poter far parte della Vostra comunità

    buons domenica antonio saba

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Vita di castità
Se non ci fosse la certezza interiore di questa chiamata, non si arrischi ad intraprendere una via così esigente: senza la grazia della vocazione non si può tener fede ai propri impegni specialmente in questo campo.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.