Surrexit Dominus vere! Alleluia!

le mirofore vanno alla tomba, ma…

La gioia della Pasqua è quella di una vita che dopo la morte sa scoprire la bellezza dell’eternità… senza legami col tempo, con lo spazio… se non quelli di una carità piena di grazia e di verità…

E tu?

Sei disposto a vivere nel tempo da risorto?
Lascia ogni cosa che non ha un “sapore” di eternità?
Perché, anima mia, non lasci i legami che ti tengono a questa terra? Perché, o spirito mio, non abbandoni l’amore falso e accogli la carità eterna del Padre?

Auguri!!!

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Regola di vita della Fraternità di San Bonifacio
La fraternità ha come modello unico il Cristo, che visse senza separazioni una profonda vita di comunione e intimità con il Padre e il peregrinare per l’annuncio della salvezza. Il ministero di Gesù in Galilea è il mistero della sua vita che dona forma ad ogni membro della fraternità; un mistero da approfondire, studiare e vivere con crescente profondità e vitalità. La santa terra di Cafarnao, luogo dove il Signore abitava e da cui partiva per l’annuncio della salvezza, è particolarmente cara ad ogni membro della fraternità.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.