Articoli marcati con tag ‘2015’

Novembre 2015

2015-10-23 15.19.35Nel mese di novembre abbiamo cominciato la Scuola della fede, un’iniziativa che ci permette di rispondere alla domanda di conoscenza della fede e di aiutare molti a scoprire che la teologia può essere “per tutti”… Un piccolo contributo a fare in modo che ogni credente possa rendersi conto della propria fede, esprimerla in modo adeguato alla propria storia culturale perché l’evangelizzazione sia vera, cosciente, piena… è un servizio che appartiene pienamente al nostro “carisma” di evangelizzatori con la specificità della vita monastica e siamo contenti del piccolo successo che questa iniziativa ha avuto! Speriamo di renderla una vera e propria “scuola” per imparare che cosa crediamo e per rendere ragione della speranza che ci abita! Leggi il resto di questo articolo »

Share

Ottobre 2015

Vegliare_Ascoltare_retro_5_Il mese di ottobre è stato caratterizzato dalla preparazione di alcune iniziative che abbiamo “lanciato” per poter vivere più intensamente il nostro impegno nella Chiesa e per ‘evangelizzazione! La prima è la “Scuola della fede” che è un vero e proprio percorso di iniziazione alla teologia offerta a tutti… Leggi il resto di questo articolo »

Share

Settembre 2015

BadiaCavaDeTirreni3Che mese pieno di cose che abbiamo vissuto!!!
Anzitutto abbiamo fatto un periodo – breve ma molto sereno e piacevole – di Esercizi Spirituali presso la comunità benedettina di Cava de’ Tirreni: un pezzo di storia del Sud Italia. L’Abate, dom Michele Petruzzelli, ci ha guidato a scoprire il mistero della preghiera nella vita dei sacerdoti e dei consacrati. Abbiamo anche gustato l’amicizia di questi monaci che sono delle querce, mentre noi appena cominciamo a mettere il naso fuori della terra nella vita “monasteriale” Leggi il resto di questo articolo »

Share

Agosto 2015

Come di solito, Agosto è un mese di “deserto”: la preghiera diventa personale, solitaria
Abbiamo anche colto l’occasione di poter andare a stare un po’ di tempo ad Assisi… siamo stati a trovare i postulanti francescani e il nostro amico Luigi a Fontecolombo, ci siamo tuffati nel mare di gente che ha affollato la Porziuncola il 2 agosto, abbiamo partecipato alla novena di Santa Chiara con le clarisse, abbiamo celebrato alla tomba di Santa Chiara, nella Porziuncola, all’Eremo delle Carceri, a San Francesco… siamo  andati a trovare un po’ di amici (ma non tutti, peccato!!!) e abbiamo conosciuto le “monache di Betlemme” di Poggioreale, vicino Gubbioassisi Leggi il resto di questo articolo »

Share

Giugno e luglio 2015

antica statua di san Bonifacio nel duomo di Fritzlar

antica statua di san Bonifacio nel duomo di Fritzlar

Questi mesi sono stati davvero intensi e pieni di vita!
Nel mese di giugno abbiamo vissuto la nostra festa di san Bonifacio con grande pace e gioia interiore. Come di solito, non abbiamo fatto nulla di particolarmente grande o solenne, ma abbiamo coinvolto i nostri amici – reali e internettiani – nella nostra novena e poi il 5 abbiamo vissuto un momento di festa con coloro che hanno voluto restare dopo la Messa. Leggi il resto di questo articolo »

Share
dalla Regola di vita
Regola di vita della Fraternità di San Bonifacio
La fraternità riconosce in san Bonifacio, vescovo e martire, apostolo della Germania, un riferimento perenne da approfondire e cui sempre ritornare per scoprire le radici della propria chiamata. In modo particolare egli è un punto di riferimento:
Per l’appello continuo alla riforma della propria vita in vista della salvezza
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.