Articoli marcati con tag ‘akatisto’

Novena di san Bonifacio: inizio

2015-05-27 19.28.44

l’immagine di san Bonifacio esposta nella chiesa parrocchiale di san Biagio

Il 27 maggio è il giorno in cui celebra sant’Agostino di Canterbury. Figlio spirituale di san Gregorio Magno, fu scelto proprio da lui per un’esperienza unica e singolare: rievangelizzare l’Inghilterra, resa nuovamente pagana dall’invasione dei Sassoni. Un monaco antesignano della “nuova evangelizzazione“! Dalla sua opera qualche decennio più tardi nascerà il nostro caro san Bonifacio!
Che singolare coincidenza, allora, che la novena di san Bonifacio cominci proprio con la festa di sant’Agostino! Un vero scherzo della Provvidenza … Vi invitiamo a vivere questa novena con noi, con un testo che abbiamo tradotto dal francese e che stiamo usando per celebrare la preparazione alla festa del nostro patrono. A questo link trovate il testo in francese e qui sotto le “strofe” tradotte da noi!
Attraverso questa preghiera possiamo ripercorrere la storia della vita del nostro Santo e assaporarla con i testi della preghiera! Nel corso dei giorni della novena incontreremo tanti santi … tra questi anche una nostra grande protettrice: santa Orsola Ledóchowska.

Buona novena! Ci affidiamo anche alla vostra intercessione per noi! Leggi il resto di questo articolo »

Share
dalla Regola di vita
Altre norme
Annualmente, nel periodo delle ferie dal lavoro ogni membro della comunità conduce almeno 3 settimane di vita più ritirata, da solo o in piccoli gruppi dedicandosi alla preghiera e allo studio o all’approfondimento professionale.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.