Articoli marcati con tag ‘Natale’

carne

Il segreto di questa festa e la sua ragione ultima è tutta in una parola
che, a pensarci bene, dev’essere costata tanto a san Giovanni!
La parola è “carne”…
San Paolo ha scritto tanto e predicato molto
di come bisogna lasciare la carne con i suoi desideri e seguire lo Spirito.
Così san Giovanni nel dire che il Verbo si è fatto carne
deve aver avuto coraggio e anche una certa audacia nel farlo!
Ma tutto è qui! In questa piccola parola…
Che dobbiamo intendere bene…
perché san Giovanni lo sa che può essere frainteso quello che vuol dire!

Leggi il resto di questo articolo »
Share

God’s marketing

Pieter Paul Rubens, Adorazione dei pastori (1608)

Se qualcuno volesse far conoscere una notizia
– e oggi con la scienza del marketing e dell’advertising lo sappiamo bene –
sceglierebbe con attenzione il momento giusto perché sia data e diffusa.
Esperti di comunicazione sono pagati fior di quattrini per capire quand’è meglio
mandare in onda un annuncio pubblicitario o un lancio di mercato.
Volete che Dio sia da meno?
Pensate davvero che la nascita del Figlio di Dio
di notte, in un quartiere periferico della periferia dell’impero
sia stato scelto a caso
Così… per la moda di essere contro il marketing e la ricchezza?
E no! Dio non è così stupido e idealista.
Dio, il Padre, poi, è uno che sa il fatto suo!
Tanto che questa notizia ancora oggi è una breaking news!

Leggi il resto di questo articolo »
Share

cercare Gesù e trovarlo

boy-jesus_bigValledacqua, 30 dicembre 2018
Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe
1Sam 1,20-22.24-28   Sal 83   1Gv 3,1-2.21-24   Lc 2,41-52

È capitato anche alla Madonna! E san Giuseppe!
Può capitare anche a noi di perdere il Signore Gesù.
Può succedere che lo vai cercando di qua e di la…
Lo cerchi tra gli amici, nella carovana che percorre la via
Lo cerchi chissà dove… magari tra i poveri e gli emarginati

Ma Gesù è uno che si trova facilmente.
Non è di quelli che custodiscono una privacy gelosamente!
Il Vangelo di san Luca ci offre due luoghi dove possiamo trovarlo
Due indirizzi: non possiamo mai sbagliare! Leggi il resto di questo articolo »

Share

figli di Dio

altare Natale 2018Valledacqua, 25 dicembre 2018
Natale
Is 52,7-10   Sal 97   Eb 1,1-6   Gv 1,1-18

Se fosse solo nato nella capanna o nella grotta
povero ed emarginato, ai confini della storia
non ci sarebbe interessato!
Farebbero bene a cercare
– come ha fatto google in questi giorni –
altre ragioni per festeggiare il Natale.
Perché ci sono tante tradizioni in cui si festeggia in questi giorni.

Se riducessimo la nascita del Signore
a questo quadretto del presepe
– “perché le tradizioni vanno rispettate!” –
o al buon esempio in salsa un po’ contestataria
– “ancora oggi emarginiamo e non accogliamo gli immigrati!” –
hanno ragione a fuggire dal Natale cristiano Leggi il resto di questo articolo »

Share

Vale la pena! Fidati…

IMG-20181221-WA0047

Valledacqua, 24 dicembre 2018
Veglia di Natale
Is 9,1-6   Sal 95   Tt 2,11-14   Lc 2,1-14

Nella notte
(non quella contemporanea, piena di luce
ma quella che ancora puoi trovare forse nel sud del mondo
dove c’è solo il buio che non è rischiarato da nulla)
in questa notte, che fa paura, brilla una luce!

Inattesa.
Inedita.
Una luce brilla! Leggi il resto di questo articolo »

Share
dalla Regola di vita
Accoglienza degli ospiti
Le persone di sesso diverso da quello della comunità ordinariamente non sono accolte per la notte. Tuttavia il capitolo valuterà se a volte sia il caso di farlo. La loro permanenza non sia in ogni modo superiore ai cinque giorni, a meno che non sia legata ad iniziative di vita comune proposte dalla comunità stessa.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.