Articoli marcati con tag ‘omelia’

carne

Il segreto di questa festa e la sua ragione ultima è tutta in una parola
che, a pensarci bene, dev’essere costata tanto a san Giovanni!
La parola è “carne”…
San Paolo ha scritto tanto e predicato molto
di come bisogna lasciare la carne con i suoi desideri e seguire lo Spirito.
Così san Giovanni nel dire che il Verbo si è fatto carne
deve aver avuto coraggio e anche una certa audacia nel farlo!
Ma tutto è qui! In questa piccola parola…
Che dobbiamo intendere bene…
perché san Giovanni lo sa che può essere frainteso quello che vuol dire!

Leggi il resto di questo articolo »
Share

God’s marketing

Pieter Paul Rubens, Adorazione dei pastori (1608)

Se qualcuno volesse far conoscere una notizia
– e oggi con la scienza del marketing e dell’advertising lo sappiamo bene –
sceglierebbe con attenzione il momento giusto perché sia data e diffusa.
Esperti di comunicazione sono pagati fior di quattrini per capire quand’è meglio
mandare in onda un annuncio pubblicitario o un lancio di mercato.
Volete che Dio sia da meno?
Pensate davvero che la nascita del Figlio di Dio
di notte, in un quartiere periferico della periferia dell’impero
sia stato scelto a caso
Così… per la moda di essere contro il marketing e la ricchezza?
E no! Dio non è così stupido e idealista.
Dio, il Padre, poi, è uno che sa il fatto suo!
Tanto che questa notizia ancora oggi è una breaking news!

Leggi il resto di questo articolo »
Share

dare un nome a Dio

A qualche giorno dalla vigilia del Natale
ecco che a guidarci c’è una figura straordinaria: san Giuseppe!
Che riceve dall’angelo una chiamata davvero speciale… quella di dare un nome a Dio!
“lo chiamerai Gesù”: la Madonna da alla luce il Figlio di Dio
ma dargli un nome, questo spetta a Giuseppe!
È vero che il nome lo riceve e non lo pensa lui, ma quello che è importante
soprattutto mettendoci nei panni di una persona dei tempi in cui scrive l’evangelista
l’importante è che sia san Giuseppe a dare a lui un nome!

Leggi il resto di questo articolo »
Share

Iperstracolma di grazia

Sembra che questa festa sia soltanto qualcosa di aggiunto alla nostra fede
tanto che i cristiani della Riforma non comprendono come possiamo celebrare una cosa
che non è espressamente e direttamente scritta della Bibbia.
E persino molti cattolici oggi sembrano mettere da parte questo mistero
che oggi celebriamo ma che è da sempre – prima ancora della sua definizione ufficiale –
uno dei misteri che il popolo di Dio ama, celebra e vive con intensità.
La vergine Maria, così noi crediamo, è stata preservata dal peccato originale
già nel momento della sua concezione! Perché?

Leggi il resto di questo articolo »
Share

stare a vedere

Tintoretto, Crocifissione

Anche noi, oggi, siamo invitati a stare a vedere come quelli del Vangelo .
Ricacciando, però, questa parola: “Salva te stesso!”
Noi siamo invitati a guardare, anche noi…
E scopriremo che dinanzi a noi c’è un uomo crocifisso
che, però, pur avendo la possibilità di salvarsi – o meglio, di sfuggire alle nostre cattiverie – non lo fa:
Gesù resta sulla croce!

Leggi il resto di questo articolo »
Share
dalla Regola di vita
Vita di povertà
Le offerte ricevute dai presbiteri, membri della fraternità, per la celebrazione del sacrificio eucaristico sono accolte volentieri in ossequio alla tradizione della Chiesa e impiegate come qualunque altra offerta. Il capitolo della comunità può disporne un uso specifico.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.