Teologia monastica secondo BXVI

che il discorso che Benedetto XVI ha fatto al collège des bernardines a parigi nel 2008 fosse una pietra miliare già ce n’eravamo accorti; ma fa piacere che non siamo i soli!

giuseppe dalla torre, rettore della LUMSA, ha tenuto ieri una conferenza proprio su questo tema
ecco un estratto pubblicato sull’OR: leggi qui

e visto che oggi è anche la festa del grande san Tommaso, l’aquinate, ecco una sintesi dell’altra relazione fatta dal teologo Inos Biffi… anche questa non meno preziosa… eccola

buona lettura!

Share

Lascia un Commento

dalla Regola di vita
Forma della consacrazione
La durata dei voti è annuale ed è sempre rinnovabile.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.