Articoli marcati con tag ‘Natale’

Soltanto attraverso al Vergine Maria…

DSC_1215Marina di Minturno,
1° gennaio 2016
Festa di Maria Santissima, Madre di Dio

La Madonna… sembra un orpello quasi inutile alla nostra vita di fede
Sembra come un’aggiunta che serve ai Vescovi per finire le omelie
Che magari serve a chi non vuole vivere di fede però dice:
“Io però vado a Lourdes; io però accendo sempre una candela alla Madonna!”
Voi sapete che fior fior di psicologi, di sociologi, di studiosi vedono nel culto alla Madonna
Una forma di residuo pagano o di sublimazione della figura femminile in un universo tutto maschile Leggi il resto di questo articolo »

Share

L’ascesa dell’uomo… la discesa di Dio…

Marina di Minturno,
27 dicembre 2015
Festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe
La Santa Famiglia in gloria

La Santa Famiglia in gloria

Abbiamo ascoltato un Vangelo che è caratterizzato da due movimenti
Il primo è il salire. “I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua.
“Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa.”
Il secondo è scendere: “Scese… con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso.” Leggi il resto di questo articolo »

Share

Il giorno della vendetta di Dio

gesu_bambino_nel_tabernacolo_1Marina di Minturno,
25 dicembre 2015
Solennità di Natale

Il giorno che noi oggi celebriamo lo hanno annunciato i profeti dell’Antica Alleanza…
Ad esempio vi leggo solo quello che dice il libro del profeta Isaia:
“Ma che cosa farete nel giorno del castigo, quando da lontano sopraggiungerà la rovina?
“A chi ricorrerete per protezione? Dove lascerete la vostra ricchezza?
“Non vi resterà che curvare la schiena in mezzo ai prigionieri o cadere tra i morti.
“Con tutto ciò non si calma la sua ira e ancora la sua mano rimane stesa.” (Is 10,3-4)
Leggi il resto di questo articolo »

Share

Una luce brilla nelle nostre tenebre!

052012-8Marina di Minturno,
 25 dicembre 2015
Notte di Natale

L’esperienza della notte può essere un’esperienza terribile
Magari noi ce ne accorgiamo poco perché ormai siamo pieni di luce artificiale: lampioni ecc.
Ma la notte… quando nulla si vede, quando i fantasmi si assiepano ovunque
Quando non c’è nessun punto di riferimento perché persino le stelle sono oscurate dalle nubi
La notte si tramuta in tenebra, in buio assoluto che paralizza!
Non è forse questo quello che stiamo vivendo in questo tempo nella nostra storia?
Un tempo in cui non sembra esserci nessuna certezza se non il fatto che noi viviamo!
E così molti dicono: fermiamoci a questo! Costruiamo un mondo basato su di noi
Sui nostri sentimenti, sulle nostre emozioni, sulle nostre idee…
Anche se poi la realtà che è al di fuori di noi ci interpella con urgenza, con forza
A volte anche con violenza e dolore; o con timore e talvolta con speranza…
Addirittura alziamo muri per poter difendere i nostri piccoli mondi
Oppure costruiamo ponti verso non si sa bene dove
E nelle tenebre di un’umanità distratta e insensibile venne a nascere il Figlio di Dio
Non per costruire un nuovo fortino più potente degli altri!
Non per illuderci con un ennesimo ponte lanciato nel vuoto!
No! Egli è nato per vincere ogni tenebra
Per sconfiggere, con la sua carne tremolante e indifesa, ogni notte della vita dell’uomo
È nato per essere luce, per essere luce che rischiara ogni buio terrificante e paralizzante!
Nasce anche oggi in questo nostro tempo di tenebre per noi
Per essere una speranza vera per noi…
Una speranza vera, concreta, possibile: quella che nasce dalla sua luce divina che dona salvezza!
Nelle tenebre vivevano anche i pastori che stavano a Betlemme quella notte che Gesù nacque
Non erano nella cittadina illuminata, né nei casolari sicuri
Ma nella notte della campagna…
E chiamati andarono verso la luce!
Noi! Stanotte, chiamati ci mettiamo in cammino verso la luce che è Gesù Signore?
Noi! Stanotte siamo di quelli che si lasciano accendere da una vera speranza?
Siamo di quelli che nelle tenebre di questo tempo sanno essere annunciatori di una speranza vera?
Mettiamoci in cammino nella notte verso questo altare dove il corpo del Figlio del Padre
Luce da luce, si offre a noi e illumina le nostre tenebre… fino a vincerle!

Share

Santo Natale!!!

auguri

Lucio Massari, Sacra Famiglia

La gioia…
si vive tra le piccole cose della vita quotidiana,
come risposta all’invito affettuoso
di Dio nostro Padre:
«Figlio, per quanto ti è possibile, tràttati bene …
Non privarti di un giorno felice»
(Sir 14,11.14)

Papa Francesco, Evangelii Gaudium, 4

Nel Dio che, con la sua carne benedetta,
si fa vicino a noi nelle cose di ogni giorno
scopriamo il segreto della vera gioia:
vivere ogni cosa insieme a Lui.

Sante feste di Natale

Share
dalla Regola di vita
Vita di comunione ecclesiale
La comunione ecclesiale è il grembo su cui riposa tutta la vita personale e comunitaria della fraternità. Essa è anzitutto comunione con il mistero della Chiesa nella sua pienezza. In modo speciale la fraternità vive un profondo legame con la Chiesa gloriosa dei santi e degli angeli e si sente onorata della loro amicizia e della loro intercessione, e con la Chiesa del Purgatorio che cerca di sostenere e di sollevare con la preghiera e l’offerta delle proprie sofferenze.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.