Mangiare Gesù!

Il linguaggio di Gesù, oggi, nel Vangelo
non si comprende senza il linguaggio dell’amore.
Tanto che i pagani che sentivano i cristiani parlare di “mangiare Cristo”
pensavano che praticassero il cannibalismo!

Noi sappiamo anche che questo “mangiare” e “bere” di cui parla Gesù
nonostante la sua crudezza e la sua grossolanità
non si riferisce tanto al momento della comunione o alla Messa.
Perché posso non accostarmi al Santissimo Sacramento, ma posso mangiare e bere del Signore!

Solo il linguaggio dell’amore può farci comprendere fino in fondo!
Quando il nonno guarda il nipotino e gli dice “ti mangerei tutto!”
O l’innamorato che è pienamente dissetato da un gesto d’amore dell’amata
O come abbiamo sperimentato nel tempo della clausura come soltanto vedersi con chi ci è caro
era come nutrirsi, saziarsi!

Mangiare la carne del Signore e bere il suo sangue è amarlo!
È vivere unicamente del desiderio di Lui, dell’amore per Lui!
Se la nostra comunione non nasce da questo amore, rimane un bell’atto religioso!
Se partecipare a Messa non si nutre del desiderio di Dio, resta un precetto da compiere!

Questo tempo in cui sembra che fare la comunione sia una cosa preziosa
ci fa scoprire che mangiare del Signore non è “prendere l’ostia”
ma è cercarLo, nutrirsi della sua Parola, dissetarsi della sua presenza nei fratelli
è mettere al centro della vita unicamente l’amicizia con Gesù!

Tanto che una volta, quando fare la Comunione era così raro,
c’era la pratica, raccomandata dai maestri spirituali, della visita a “Gesù sacramentato”.
Ed è ancora una cosa essenziale, importante, necessaria!
Potremmo dire che non basta la Messa…

Occorre trovare il tempo di restare con il Signore Gesù e cercarLo
nella Parola viva della Scrittura, nell’amore per gli altri, nell’adesione alla fede della Chiesa,
nel trovare il tempo per fermarsi in Chiesa davanti al Santissimo Sacramento...
sia prima di partecipare alla Messa e sia dopo!

La Messa, ci insegnano oggi, è fonte e culmine della vita del cristiano!
Dobbiamo scoprire che fare la comunione, partecipare alla Messa
è preceduto dal mangiare Gesù nella ricerca continua di Lui
ed è seguito dal dissetarsi di Gesù in una vita che trova pace solo in Lui!

Così, nutriamoci del Signore non solo in questa celebrazione,
ma anche nei tanti modi in cui Gesù si dona il suo corpo e il suo sangue!
Nutriamoci dell’amore per poterci nutrire sempre di Colui che ha dato la vita per noi!

Valledacqua, 14 giugno 2020
Corpo e Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo
Dt 8, 2-3.14-16; Sal.147; 1 Cor 10,16-17; Gv 6,51-58

Condividi

Nessun commento ancora

Lascia un commento