Benvenuto!!!!

22 agosto 2006. Getsemani,
festa della Regalità della Vergine:
ho fissato la “Regola di vita”.
Cerco di viverla io per primo…

25 gennaio 2014:
L’Arcivescovo di Gaeta riconosce la Fraternità
nella Chiesa diocesana

6 novembre 2017:
la Fraternità si stabilisce
nell’Abbazia di san Benedetto in Valledacqua

La strada continua sotto lo sguardo
Del Signore e della Vergine Maria
Visita di tanto in tanto queste pagine…
Cresceranno, anche grazie a te!


Il Signore ti benedica e ti dia pace
francesco

se vuoi contattaci a questo indirizzo: info[@]bonifacius.it

segni dei tempi

Valledacqua, 17 febbraio 2019
VI domenica del Tempo Ordinario
Ger 17,5-8; Sal 1; 1 Cor 15,12.16-20; Lc 6,17.20-26

Eh sì! Gesù non ha detto solo “beati”, ma ha detto anche “guai”!
Non ha solo indicato una via di perfezione e di santità
ma ci ha anche messo in guardia da alcune cose che posso insidiare il cammino:
ci ha dato anche degli “attenzione!” davvero importanti
perché talvolta possono aiutarci più delle indicazioni del sentiero.

Leggi il resto di questo articolo »

lo sguardo

Valledacqua, 10 febbraio 2019
V domenica del Tempo Ordinario
Is 6, 1-2. 3-8; Sal 137; 1 Cor 15, 1-11; Lc 5, 1-11.

Due barche. Gente che sta lì a pensare alle proprie cose, a lavorare.
La gente che sta attorno e lo cerca.
Gesù non guarda e loro, ma a quelle barche, a quelle persone che lavorano.
Per annunciare la Parola si rivolge a loro e gli chiede le barche.
Lo strumento del loro lavoro diventa il suo.

Leggi il resto di questo articolo »

(dis)like

Valledacqua, 3 febbraio 2019
IV domenica del Tempo Ordinario
Ger 1, 4-5. 17-19; Sal 70; 1 Cor 12,31 – 13,13; Lc 4, 21-30

La Parola di Dio ci mette costantemente in guardia da un difetto tutto nostro,
di noi, contemporanei, di noi che siamo in questi tempi:
quello di pensare che alla fine l’uomo non può che accogliere il Vangelo.
Alla fine in qualche modo la parola di Gesù è forte, potente, capace.
E – corollario insidioso – il problema è nostro, della Chiesa
che deve essere diversa, più efficace, molto più incisiva nella società…
e via dicendo!

Leggi il resto di questo articolo »

dire il Vangelo oggi

Valledacqua, 27 gennaio 2019
III domenica del Tempo Ordinario
Ne 8,2-4.5-6.8-10; Sal 18; 1 Cor 12,12-31; Lc 1,1-4; 4,14-21.

Forse, un po’ come Luca, anche noi, in questi tempi così particolari,
dobbiamo assumere un compito, una missione specifica:
raccogliere i dati della fede, farne una sintesi autentica e sincera,
per poter dare solidità agli insegnamenti che molti hanno ricevuto
ma a cui non credono più!

Leggi il resto di questo articolo »

nozze

Valledacqua, 20 gennaio 2019
II domenica del Tempo Ordinario
Is 62, 1-5; Sal 95; 1 Cor 12, 4-11; Gv 2, 1-12.

La vita vera, quella che noi chiamiamo “eterna”, come ci ha insegnato san Giovanni,
è simile ad una festa di nozze.
Proprio come il battesimo, anche le nozze sono un fatto religioso in tutte le culture.
Anche tra di noi.
E ogni cultura ha i suoi usi, i suoi riti, le sue consuetudini in questo!
Se il Battesimo è l’inizio del cammino religioso, perché lava, purifica;
il Matrimonio indica spesso l’esito di questo cammino perché è gioia, pienezza, vita.

Leggi il resto di questo articolo »

dalla Regola di vita
Composizione della comunità
Ogni comunità è formata da uomini o da donne battezzati, appartenenti alla Chiesa Cattolica e che hanno almeno 21 anni. Gli uomini possono appartenere allo stato clericale o meno.
per pregare con noi oggi

I monaci hanno fatto l'Europa,
ma non l'hanno fatta consapevolmente.
La loro avventura è anzitutto, se non esclusivamente,
un'avventura interiore,
il cui unico movente è la sete.
La sete d'assoluto.
La sete di un altro mondo,
di verità e di bellezza,
che la liturgia alimenta,
al punto da orientare lo sguardo
verso le cose eterne;
al punto da fare del monaco
un uomo teso con tutto il suo essere
verso la realtà che non passa.
Prima di essere delle accademie di scienza
e dei crocevia della civiltà,
i monasteri sono delle dita silenziose
puntate verso il cielo,
il richiamo ostinato, non negoziabile,
che esiste un altro mondo,
di cui questo non è che l'immagine,
che lo annuncia e lo prefigura.